2

Ehi ehi ehi… sono tornataaa!

E dopo una lunga e interminabile assenza sono tornata 🙂
La costanza non è mai stata il mio forte, anche perché, come direbbe mio marito mi chiamo Silvia e non Costanza -_-‘ 
Ok, promesso, queste battute non le faccio più!

Lasciando alle spalle le giustificazioni, diciamo che comunque mi sono data da fare e quindi pubblico la mia seconda torta decorata!!
L’ho realizzata in occasione del compleanno di mia nipote. tortaCompleanno 

Mi ritengo abbastanza soddisfatta, anche se ha tantissimi difetti 😦 Ma è stata davvero impegnativa, soprattutto la colorazione della pasta di zucchero!!! 
Tutto era abbastanza nuovo, con la prima torta avevo provato a fare la pdz a casa, esperienza che non volevo riprovare!
Questa volta ho comprato diverse pdz di varie marche e ognuna aveva un’elasticità differente e un assorbimento del colore differente. Avrei potuto prenderla già colorata, ma nella mia zona vendono solo pdz rosa confetto che non mi piaceva, o almeno io l’ho trovata solo di quel colore. Volevo diventasse ciclamino, ma non sono riuscita a rendere tutta la pasta del colore desiderato, non pensavo ci volesse tutto quel tempo, è stata la parte più lunga e impegnativa del lavoro… 
Per non parlare della strumentazione che non avevo e del mio tavolo che era troppo corto!
E’ stata una bella sfida!
Mentre il fiocco è stato davvero molto più semplice.
L’interno invece è di pasta genoise o pasta genovese farcita con crema pasticcera al cioccolato
E, a detta degli invitati, era pure buona!! 😛

Chissà quando ne rifarò ancora una… è divertente ma davvero stancante…

0

Biscotti ripieni di marmellata

biscotti ripieniAvevo della farina di riso che volevo assolutamente usare e marmellata in abbondanza, perciò sono andata alla ricerca di idee. Tempo fa avevo provato la crostata con la farina di riso, ma volevo qualcosa di diverso! E volevo fare i biscotti!
Perchè non dei biscottini ripieni di marmellata?! Fantastico! La ricetta che ho trovato prevedeva la farina 00 quindi l’ho adattata alle mie esigenze e anche in base a cosa avevo a casa 😛

Ecco cos’ho usato per l’impasto:
250 g di ricotta
100 g di burro ammorbidito
300 g di farina
50 g di zucchero
1 bustina di lievito
un pizzico di sale

Unire il burro, la ricotta e lo zucchero, poi aggiungere la farina setacciata, il lievito e sale e impastare. Formare una palla, avvogerla nella pellicola e metterla in frigo a riposare per 30 min.

Per tagliare i biscotti ho usato i tagliabiscotti a cuore, a stella e quelli festonati e per ogni forma ho messo una marmellata differente: al limone, al lampone e di mele cotogne (questa fatta da me!)
Dopo aver messo mezzo cucchiaino di marmellata sopra le forme, ho chiuso i biscotti sovrapponendo le forme senza marmellata. Infine ho infornato a 180 gradi per circa 20 minuti, ma le punte delle stelle si sono cucinate un pochino di più! Una volta pronti, li ho fatti raffreddare e spolverizzati con zucchero a velo e mangiati!

Sono soddisfatta di come sono usciti, erano proprio carini da vedere, buoni da mangiare e delicati, grazie alla ricotta e alla farina di riso! 😀

Stato
0

Questa sera ci attendono i mitici gnocchi con la fioretta!
E’ un piatto tipico di Recoaro Terme e viene dedicata loro un’intera festa, che si tiene nel mese di settembre (eh già siamo un po’ in ritardo!), quindi questa sera faremo una capatina fino a lì per mangiare questa specialità.

La fioretta è un latticino, un prodotto “povero” della lavorazione del formaggio e, unita alla farina, dà vita ai famosi gnocchi.

Non vedo l’ora di assaggiarliiii! Vi saprò dire come sono!

2

Hamburger homemade

Ciaooo e rieccomi qui con il mio hamburger homemade!
Dopo la vacanza in Scozia, una delle tante cose che mancano a Fili e a me sono gli hamburger che mangiavamo lì! Proprio buoni e senza salse e salsine, quelle erano a parte, certo, dipende molto dai gusti, ma a me piacciono semplici, senza formaggio o troppe salse 🙂
Così ho deciso di provare a farne a casa… E che ci vuole direte voi?
Io ero un po’ scettica, visto che le “svizzere” che si comprano qui, così le chiamano dalle nostre parti, non mi piacciono molto…

hamburger
Quindi ho di nuovo sguinzagliato Google e mi sono fatta un’idea di come poteva essere fatto un hamburger, così ho preso della carne macinata di manzo, ho aggiunto un tuorlo d’uovo, un po’ di aglio e cipolla tritati e sale e pepe ed ecco il risultato!
A noi è piaciuto moltissimo!
Io ve lo consiglio se volete fare delle cene alternative senza uscire troppo di casa 😉

2

Cous cous con tacchino, yogurt, verdure e mandorle tostate

fotoOggi mi sono cimentata in questa ricettina qui.
Allora, premessa: ero in astinenza da cibo etnico, in effetti, e reduce di un virus che ha colpito l’intestino. Quale metodo migliore per dire “bye bye viruuuuus”? 😀
In realtà mi ero riproposta di aspettare e fare un po’ di dieta, ma… le diete non fanno per me…

Avevo del cous cous e del tacchino, così ho spulciato la rete per trovare la ricetta più adatta e alla fine ne ho mischiate un po’ assieme ahahah come faccio sempre!!
Ecco cosa ho fatto:

  1. ho preparato il tabel che è un mix di spezie composto da coriandolo, carvi, una specie di cumino (io avevo il cumino e ho usato quello), peperoncino in polvere e aglio sbucciato ed essiccato. Per pura fortuna a casa avevo un preparato essicato di peperoncino e aglio e l’ho usato, altrimenti avrei fatto senza!
    Le dosi… beh come tante altre cose che io faccio, sono andata ad occhio, nel senso che non volevo fosse troppo piccante e sentire troppo l’aglio perciò ho aggiunto più coriandolo e cumino e poco peperoncino e aglio.
    E poi sono convinta che ognuno possa aggiustarselo un po’ come gli piace 😉
  2. ho tagliato le verdurine a dadini, 2 carote, la metà di una graaaande melanzana, e 2 zucchine e le ho cucinate in padella insaporendole con un po’ di tabel, un po’ di sale, pepe e un po’ di brodo
  3. ho tritato uno scalogno e l’ho fatto imbiondire in un po’ di olio evo (di casa mia!!! ihihi lo so non penso lo troverete facilmente al supermercato :P)
  4. ho tagliato a dadini il tacchino (circa 250 gr) e l’ho rosolato insieme allo scalogno e il restante tabel, ho aggiunto anche del sale e del pepe
  5. ho tostato una manciata di mandorle
  6. infine ho aggiunto al tacchino dello yogurt bianco e in seguito un po’ delle mandorle tostate, tritate grossolanamente
  7. ho cucinato il cous cous (circa 200 gr) seguendo le istruzioni sulla scatola
  8. una volta pronto il cous cous, ho aggiunto le verdure al cous cous
  9. infine ho impiattato il cous cous, aggiunto il tacchino con lo yogurt, se volete potete mettere un po’ di mandorle tostate a guarnizione

Purtroppo la tajine (o tajina? chi lo sa mi corregga pure) non ce l’ho, perciò mi sono arrangiata con le padelle, ma a me e a Filippo è piaciuto tantissimoooo! M I T I C O!

5

Caramelle allo zenzero

Oggi ho provato a fare le caramelle allo zenzero!
Fantastiche! Le ho fatte perchè lo zenzero esalta il sapore del whiskey Oban comprato in Scozia

Ecco come sono uscite
caramelle Copio qui la ricetta
Ingredienti: 350 gr di radice di zenzero fresca  – zucchero di canna
 – acqua
Preparazione:  Pelate le radici e affettatele a rondelle sottili. Mettetele in un pentolino dal fondo spesso e copritele con abbondante acqua, portate ad ebollizione e fate sobbollire per un’ora, finchè la consistenza sarà morbida ma non molle. Scolate lo zenzero e pesatelo, ponetelo nuovamente nel pentolino aggiungendo lo stesso peso di zucchero di canna e due cucchiai di acqua. Ora fatelo andare a fuoco moderato per una ventina di minuti mescolando con un cucchiaio di legno finchè non inizierà a cristallizzarsi. Preparate una placca con abbondante zucchero di canna. Quando lo zenzero sarà cristallizzato toglietelo dal fuoco e versatelo sulla placca rotolando le fettine nello zucchero di canna separandole bene l’una dall’altra. Ora è pronto! Mettete le vostre caramelle in un vasetto sterilizzato e potete conservarle fino a 3-6 mesi!

Qui potete trovare pure il video: http://www.alfemminile.com/video-ricette/zenzero-candito-video-n210262.html

Credo di aver caramellato troppo lo zucchero ma sono fantastiche ugualmente 😀